Che cos’è l’effetto Bokeh e come si fa

Ecco una di quelle cose che si sente sempre più spesso sulle pubblicità, come il cellulare con la  fotocamera per l’effetto Bokeh che sentiamo ora con i nuovi Huawei P10 con fotocamera Leica.

 

Cos’è l’effetto Bokeh?

In pratica è un uso particolare del diaframma per creare una sfocatura molto particolare dietro al soggetto, in modo che lo sfondo crei una sfumatura molto delicata, quasi pittorica.
L’ideale è quando dietro il soggetto sono presenti tante luci che diventano delle forme colorate.

Vediamo un po’ di esempi di foto con effetto bokeh

effetto bokeh

Per realizzare una foto come questa il soggetto da mettere a fuoco deve essere abbastanza distante dallo sfondo, utilizzando un diaframma molto grande (f1,8 o f2) gli oggetti sullo sfondo si sfocano moltissimo, creando così una sfumatura unica che mescola i colori dello sfondo.

Vediamo un esempio che le luci sullo sfondo:

effetto bokeh

In quest’altra immagine vediamo lo stesso effetto, ma le luci sullo sfondo creano queste particolari bolle colorate.
Da notare che il soggetto è ripreso da molto vicino e il fuoco è sulla pallina del gelato, tant’è che anche il bordo anteriore del bicchiere è sfocato.

Come si fa una foto con l’effetto Bokeh

Riprendiamo la foto del bicchiere di gelato qui sopra.
La fotografia è stata scattata con una Nikon D5300,  con una lunghezza focale da 35mm a f2,0

La scelta dell’obiettivo con una lunghezza focale giusta è il punto di partenza principale.
Se usiamo un 135mm non riusciremo a fare un effetto bokeh fatto bene, se non con estrema difficoltà.
Una lunghezza focale bassa ci aiuta tantissimo, dal 24mm al 70mm sono le scelte migliori.

Altra cosa che dobbiamo tenere presente è che l’effetto si ottiene con diaframmi molto grandi, f1,8, f2, f2,8 e f4.

Il diaframma così largo restringe moltissimo la parte a fuoco, che si chiama in gergo profondità di campo.

Il fuoco sul gelato con un diaframma ad f2,0 è di pochissimi cm, su un bicchiere di 12cm di diametro la parte che viene messa a fuoco è di 4 o 5 cm al massimo.

Vediamo un’altro esempio:

effetto bokeh

Ecco una foto con il bokeh molto suggestivo, che sfrutta il riflesso sulle onde del mare del sole basso sull’orizzonte.
Il soggetto sarà in controluce, quindi sarà una silouhette, e sarà importantissimo metterla bene a fuoco.

Il diaframma in questo caso non è poi così ampio, è un f4, e crea questi cerchietti di luce che diventano più grandi mano a mano che si allontanano dal soggetto.

 

Provare a fare foto con l’effetto bokeh in casa

effetto bokeh

Per allenarsi a casa a fare le foto con effetto bokeh basta usare un po’ di lampadine per l’albero di natale.
Appendetele su una parete in fondo alla stanza e scattate con un soggetto a 4 o 5 metri, se possibile ovviamente.
Non è importante il soggetto, potete usare un pupazzetto della lego, una noce, o qualsiasi oggetto di piccole dimensioni.

Iniziate usando la lunghezza focale più piccola che avete con il diaframma più largo possibile, un 24mm a f2,0 per esempio.
Quando scattate pensate solo al soggetto, non preoccupatevi dello sfondo, perché il mirino o lo schermo compensano molto.
Scattate e guardate il risultato, e continuate a provare i diaframmi più larghi e obiettivi fino ai 70mm di lunghezza focale.
Scegliete poi le foto che vi piacciono di più e vedete che impostazioni avete usato, e riprovate con le stesse impostazioni.

 

 

Post Tagged with ,

2 Risposte

  1. Nikonino ha detto:

    Ciao,
    ho provato a fare la foto al mare come quella che hai qui, ma non è venuta come volevo.
    Non si vedono i pallini come avrei voluto, e la mia ragazza non si vedeva solo l’ombra.

    • Fotocamere Reflex ha detto:

      Ciao,
      da quel che mi dici credo che il problema sia stata l’ora e la posizione della tua ragazza rispetto al sole.
      Il sole doveva stare più al tramonto, leggermente fuori dall’inquadratura, e la tua ragazza completamente controluce.
      I pallini vengono quando usi un diaframma molto aperto, almeno F4.
      Se usi uno zoom fai attenzione a quello che appare come valore di diaframma sul mirino quando muovi lo zoom,
      e cerca di tenerlo alla misura più piccola, controlla anche che la lente non sia inumidita o sporca, altrimenti i “pallini di luce” si sfocano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.