Come scegliere la fotocamera Reflex

Guida all’acquisto della Fotocamera Reflex

Come dicevamo, il modo migliore per capire quale Fotocamera Reflex è rispondere alle 4 domande principali:

1“Quante foto scatti abitualmente in un anno”
2“Che tipo di foto scatti di più? Panorami, persone, luoghi”
3“Stampi le foto che scatti?”
4“Sarà solo un hobby o pensi di farlo diventare un lavoro, anche se saltuario?”

Ora con le Reflex Digitali è facile che si scattino più di 100 foto durante una giornata, è quindi facile superare le migliaia di foto all’anno.
Un modo per calcolare quante foto scattiamo è capire quanto tempo passiamo con la macchinetta fotografica in mano, cosa fotografiamo e, cosa più importante, quante foto cancelliamo perché sono brutte o sfocate o buie.

Entry Level

Se sono una persona che passa spesso i weekend fuori, o fa brevi vacanze durante i ponti, e principalmente faccio un centinaio di foto con i cellulari o con le piccole compatte sia a persone, che a piazze e monumenti, allora è il momento di pensare alla prima Reflex Digitale.
Noi consigliamo una Reflex Entry Level di buon livello con almeno 2 obiettivi, il classico 18-55mm e il 70-300mm. Il primo di solito viene venduto col corpo macchina, mentre il secondo si può trovare di buona qualità intorno ai 200,00 €.
In questo caso si hanno a disposizione tutte le focali, dal grandangolo (il 18mm) al lungo teleobiettivo (il 300mm) senza doversi portare del peso in più.

Amatoriale

Se sono una persona che ha spesso una compatta in tasca e faccio foto sia a panorami che ai dettagli che mi colpiscono, oppure ho acquistato un cellulare tenendo in grande considerazione la fotocamera ed a volte mi fermo per immortalare momenti anche quando vado al lavoro, allora l’acquisto di una macchina Reflex Digitale di livello amatoriale; per quanto riguarda gli obiettivi invece le macchinette amatoriali, come le entry level, sono vendute in kit con un obiettivo 18-55mm, è utile acquistare un obiettivo fisso da 35mm, o un pancake da 24mm per risparmiare un po’ di spazio, o uno zoom 18-200mm.
I primi 2 obiettivi sono l’ideale per fare foto a panorami e luoghi, o scene di vita da cogliere al volo,  mentre lo zoom lo consigliamo anche per fare ritratti o sbizzarrirsi a fare esperimenti sullo stesso soggetto con diverse focali.

Semiprofessionale

Se già uso da anni le compatte con zoom integrato, o magari ho già una entry level che conosco bene e volessi iniziare a fare qualcosa di più serio con la mia macchina fotografica allora è il momento di acquistare una reflex semipro, e se sono già un possessore di una entry level la scelta migliore è una semipro con gli stessi attacchi per gli obiettivi che già possiedo.
Immaginando che si abbia il corredo minimo di obiettivi, quindi uno zoom grandangolo e uno zoom tele, si può aggiungere un pancake da 14 o 16mm e due fissi, un 35mm ed un 50mm con un diaframma molto grande (almeno f1,8)

Professionale

Se lavori nel campo della fotografia, o passi le giornate a fotografare scorci o ritratti di attori o sfilate di moda allora ti serve una macchina fotografica professionale, e non serve che lo scriviamo.
Le professionali sono acquisti che si fanno 1 volta ogni 20 anni, quindi spendere più per la macchina fotografica che per l’automobile per un fotografo professionista è una cosa normale.
Su queste macchine fotografiche noi di Fotocamere Reflex non daremo consigli particolari per l’acquisto, chi spende 5000€ per una macchina fotografica sa già quello che compra.
Ci limiteremo quindi ad elencare le caratteristiche delle nuove macchine in uscita o ancora in commercio, con i link per l’acquisto attraverso le offerte, facendoti risparmiare tempo in lunghe e noiose ricerche!

Scegliere gli Obiettivi

I Numeri degli obiettivi

Prima di tutto capiamo un po’ quali sono i numeri fondamentali di un obiettivo.
La lunghezza focale, si calcola in mm ed esprime la distanza tra la lente ed il piano focale (il sensore), determina l’ampiezza del campo di visuale, più è piccola la lunghezza focale più il campo di visuale è ampio, in parole povere più è piccolo il numero più è larga la visuale, viceversa più è grande il numero più è stretta la visuale.
Gergalmente si chiamano grandangolari gli obiettivi con i valori al di sotto del 35mm e teleobiettivi quelli al di sopra.
Si usa il 35mm come riferimento perché ha un angolo di visuale simile a quella dell’occhio umano.
L’altro numero importante è il diaframma, che ha delle misure standard e indica la quantità di luce che passa per l’obiettivo. Anche questo valore va interpretato all’inverso, più è piccolo il numero più luce passa.
E più luce significa scatti più veloci.

Gli Zoom

Gli zoom sono obiettivi che possono cambiare la lunghezza focale, quindi uno zoom viene identificato da una coppia di lunghezze focali, una minima ed una massima.
C’è da sapere una cosa fondamentale, il diaframma ha valori diversi a seconda della lunghezza focale.
Prendiamo per esempio un 18-55mm standard, il diaframma minino sarà f4 a 18mm mentre sarà f5,6 a 55mm.

 

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo con i tuoi amici
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Print this page
Print
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Reddit
Reddit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.